Geomorfologia

La geomorfologia è la scienza che studia la genesi, la distribuzione, i rapporti reciproci e l’evoluzione delle forme di erosione e di accumulo del rilievo terrestre e dei depositi a esse connessi. L’obiettivo principale di questa disciplina è quello di delineare un quadro completo delle caratteristiche fisiche di un dato territorio dal momento della sua formazione fino ai nostri tempi, prevedendone anche l’evoluzione spazio-temporale futura.


In questa prospettiva la geomorfologia può fornire una importante chiave di lettura dell’ambiente fisico terrestre e rappresenta spesso un approccio conoscitivo basilare nell’inquadramento di problematiche connesse all’interazione tra strutture antropiche (strade, edifici, gallerie, ponti, dighe, ecc.) e il terreno circostante dove sono inserite. 

Queste problematiche sono amplificate e possono causare danni a persone e cose se le opere strutturali sono progettate e realizzate in un contesto geomorfologico non idoneo perché interessato da fenomeni franosi, esondazioni, sprofondamenti, erosione accelerata, ecc.). 


Per questi motivi la geomorfologia può quindi essere un importante strumento d’indagine anche in ambito forense, al pari di altre discipline delle Scienze della Terra quali: geologia applicata, mineralogia, geochimica, geotecnica, idrogeologia, geofisica, ecc. 

Un corretto approccio per l’acquisizione diretta dei dati di terreno, secondo metodologie e tecniche proprie del rilevamento geomorfologico, offre spesso un contributo decisivo all’inquadramento e alla risoluzione delle controversie giudiziarie che si è chiamati a redimere.